“La lotta alla corruzione parte dal basso”. Questo il messaggio che lancia il segretario regionale di Cittadinanzattiva Lazio, Roberto Crea che, dopo aver denunciato alla Guardia di Finanza la richiesta di una tangente da parte di un funzionario della Regione Lazio, ha contribuito in prima persona al suo arresto riprendendo con una micro-telecamera il passaggio di denaro. Un’operazione che ha consentito ai finanzieri del Comando Provinciale di Roma di arrestare in flagranza di reato Ascenzo Cimaglia. “Ho fatto questo – spiega Crea – per dare un segnale alla cittadinanza e alla mia associazione. Un altro Paese, un’altra Regione, un’altra città sono possibili”. Ma oltre ai comportamenti virtuosi dei cittadini anche le istituzioni devono fare la loro parte secondo il segretario regionale di Cittadinanzattiva Lazio: “Bisogna far ruotare i dirigenti, soprattutto quelli delle aree più esposte ai fenomeni corruttivi e approvare il piano anticorruzione come previsto da una legge del 2012. Dopo oltre due anni la Regione Lazio ancora non l’ha fatto”  di Luca Teolato