L’Islam è “pericoloso, non è una religione come le altre e non va trattato come le altre religioni. Nel nome dell’Islam ci sono milioni di persone in giro per il mondo e anche sui pianerottoli di casa nostra, pronti a sgozzare e uccidere“. Così il segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini, che oggi ha distribuito volantini dal titolo “Strage di Parigi, l’Islam uccide la libertà. No alla moschea” alla fermata della metropolitana di Lampugnano, alla periferia nordovest di Milano. “Non c’è più tempo – ha sostenuto – per rispondere alla violenza con il buonismo, con l’accoglienza, con la tolleranza. Bisogna rispondere con la forza”. Quando gli chiedono se si sente sicuro, Salvini risponde “ogni tanto mi chiedo se sia giusto dire quello che si pensa. Io lo dico e continuerò a dirlo, mi rispondo. Mi preoccupa solo l’incoscienza di chi abbiamo al governo”  di Alessandro Madron