Bagno di folla al Vicente Calderón di Madrid per il ritorno di Fernando Torres. Quarantacinque mila tifosi dell’Atletico si sono riversati allo stadio per riabbracciare il Niño, che dopo sette anni tra Liverpool, Chelsea e Milan, vestirà di nuovo la maglia dei colchoneros, la squadra che lo lanciò nel grande calcio. Per Torres, dopo le delusioni degli ultimi anni, un’accoglienza così calorosa del suo nuovo pubblico sarà da stimolo per ritornare ai livelli di un tempo. “Sono passati poco più di sette anni da quando ci siamo lasciati, oggi siamo di nuovo qui e per me questo è un giorno molto speciale ed emozionante“, ha dichiarato Torres nel corso della sua presentazione.

Nel 2007 i Reds riuscirono a strapparlo al club madrileno e le prime due stagioni inglesi del Niño furono all’altezza delle aspettative. Poi il calo e il passaggio al Chelsea, che lo pagò 50 milioni di sterline, ma nonostante le vittorie di Champions ed Europa League con i blues, in termini di gol e prestazioni, non ha mai brillato più di tanto. Ceduto al Milan ad agosto, in rossonero ha collezionato la miseria di dieci presenze ed un gol in campionato.