I primi al mondo, complice il fuso orario, a dare il benvenuto al 2015 sono stati gli abitanti di Auckland in Nuova Zelanda con 13 ore di anticipo rispetto agli italiani. Poi tocca ad Australia, Giappone, Cina e anche in Italia si potranno stappare le bottiglie di spumante per accogliere l’arrivo del nuovo anno. Gli ultimi abitanti del pianeta a dire addio al 2014 saranno, invece, gli abitanti delle Isole Samoa, atollo della Polinesia nel bel mezzo del Pacifico, 11 ore indietro rispetto all’Italia, che festeggeranno l’arrivo del 2015 con lunghe feste in spiaggia

→  Sostieni l’informazione libera: Abbonati rinnova il tuo abbonamento al Fatto Quotidiano