Dati alle fiamme i cavi del sistema di gestione e controllo dello scalo di Santa Viola (Bologna). Circolazione interrotta, disagi e ritardi. Sul posto scritte No Tav. Sarebbe stato un gruppetto di persone ad appiccare gli incendi sulla linea ferroviaria di Bologna. Secondo gli investigatori gli attentatori avrebbero utilizzato stracci imbevuti di benzina o liquido infiammabile per innescare gli incendi, che hanno interessato punti distanti alcuni metri l’uno dall’altro. Proprio per la distanza tra i roghi si ipotizza che ad agire sia stato un gruppetto  di David Marceddu (leggi l’articolo integrale)