Sfilate di alte cariche al Colle dove il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano ha tenuto il suo nono e forse ultimo discorso in occasione della tradizionale cerimonia per lo scambio degli auguri di fine anno con i rappresentanti delle istituzioni, delle forze politiche e della società civile nel Salone dei Corazzieri al palazzo del Quirinale. Al termine tutti i papabili nuovi Presidenti della Repubblica, da Veltroni a Gentiloni, da Giuliano Amato a Gianni Letta, dalla ministra della Difesa Roberta Pinotti ad Anna Finocchiaro fino a Piero Fassino, non hanno voluto commentare il discorso, tenendosi a distanza dalle telecamere e dai cronisti. Solo uno dei potenziali ‘candidabili’, Sergio Chiamparino risponde: “Io candidato? L’unico difetto che non ho è quello di non avere il senso del limite”. Per Paolo Romani (Fi)”il discorso è stato un forte endorsement al Governo Renzi”. Rosy Bindi (Pd) afferma che “Io non ho trovato i toni di una persona che sta per lasciare. Io spero che resti con noi e per noi per tanto tempo ancora”. Per Maurizio Gasparri (Fi): “Un discorso di forte sostegno al Governo, un discorso quasi da politico che ritorna nell’agone, chi lo sa – scherza il senatore azzurro – ci potrebbe essere la stagione di Napolitano di senatore a vita e tornare protagonidsta della politica non più in veste di Presidete della Repubblica” e sull’elezione del prossimo inquilino del Colle sempre Gasparri afferma: “Io vedo molti potenziali sindaci, Presidente della Repubblica a destra, a sinistra, al centro, non vedo mai ‘X Factor‘ ma deve essere una roba del genere”  di Manolo Lanaro