E dopo tante espulsioni e addii al Movimento 5 Stelle, oggi è il deputato Tommaso Currò ad annunciare in Aula la sua uscita dal gruppo dei grillini alla Camera.

Al di là della poco simpatica esultanza da parte del gruppo parlamentare Pd un’analisi seria bisogna farla. Ad oggi sono già 23 i parlamentari usciti dal Movimento 5 Stelle ed è innegabile che un problema ci sia.

Perché non ammettere che questo enorme numero di uscite e/o espulsioni è frutto di un evidente malessere all’interno del Movimento non serve di certo. Può essere fisiologico qualche cambiamento ma in questo caso è sintomo di un grave problema politico all’interno del Movimento, ormai partito.

Si può dire che questi parlamentari fuorusciti non erano degni di appartenere al gruppo 5 Stelle. Bene allora aveva ragione chi criticava il metodo di scelta dei parlamentari, il quale ha fatto eleggere persone poco conosciute o poco trasparenti; o si può dire anche altro e accusare queste persone di essere dei voltagabbana ma il problema rimane lo stesso.

E se questo non viene capito e non viene analizzata realmente l’involuzione del Movimento sarà sempre più difficile fermare questa emorragia. E la scusa non può essere sempre che è colpa del Pd e che la colpa è sempre degli altri. Perché il Movimento 5 Stelle non inizia veramente a fare politica propositiva? Faccia le sue iniziative e faccia meno spettacolo.

Il Movimento ha un grande potenziale e lo ripeto da sempre ma così assomiglia sempre più ad una setta che ad un gruppo libero e propositivo. E non è un caso che quando si parli dei grillini ci sia subito una reazione sproposita e mai costruttiva. Gli insulti e le urla non servono più a nulla, esiste il dialogo anche su fronti opposti: non tutti quelli del Pd sono ladri.

Le mele marce esistono da tutte le parti, lo sappiamo benissimo, bisogna solo avere la voglia di cacciarle veramente e togliere le scuse a chi dice che i numeri non ci sono in Parlamento per approvare determinate leggi.

Incalzate realmente il Pd e il governo su questi temi, non perdete tempo in isterismi che non solo utili a nessuno, fate in modo che ci siano disegni di legge serie sui temi della corruzione e della giustizia. Solo così potrete contribuire a dare un vero segnale di utilità e di lavoro per il Paese, altrimenti rimarrete coinvolti ed invischiati in un vortice che vi porterà a guardare solo e sempre ai vostri malesseri interni e alla frustrazione di non fare nulla di concreto.

Cambiate strategia, Uscite dal Vostro Blog e dal virtuale, aprite il Movimento e portare a casa risultati per l’Italia. Se non prendete atto della vostra involuzione e della continua perdita di consensi, anche a favore della Lega di Salvini, non riuscirete più a sfruttare quella importante occasione che gli Italiani vi diedero alle scorse politiche.

Il tempo passa e i cittadini non hanno più grande pazienza; accomunano tutti e tutto e si fanno spesso incantare da chi urla di più. La crescita della sgangherata Lega è il segno evidente. E se prima Grillo aveva raccolto questo malcontento ora il rischio è che questo venga assorbito dai tombini di ghisa di Matteo Salvini.

Insomma aprite gli occhi prima che sia troppo tardi.