Oltre 12 ore di sequestro hanno attirato molti curiosi intorno alla cioccolateria di Martin Place, a Sydney, e alcuni di loro hanno pensato di scattarsi qualche “selfie ricordo” davanti all’edificio dove almeno 40 persone si trovano nelle mani di un sequestratore. Alcuni di loro hanno pensato bene di pubblicare gli scatti sui social network con gli hashtag #Sydneysiege, #selfie e #MartinPlace. Un comportamento che ha provocato indignazione tra i frequentatori di Twitter e Facebook, che parlano di insensibilità nei confronti di persone che, a pochi metri, stanno rischiando la vita. In Italia c’è anche chi ha proposto uno “scambio” tra i maniaci del selfie e gli ostaggi.