E’ partito da piazza Mazzini, nei pressi della stazione centrale di Napoli, il corteo dei lavoratori Cgil e Uil in adesione allo sciopero generale indetto dai due sindacati. La manifestazione napoletana vede la partecipazione di numerosi lavoratori provenienti dall’intera Campania. Alla testa del corteo lo striscione che riprende lo slogan della manifestazione nazionale: “Campania così non va!”; alle spalle dello striscione tante bandiere rosse e azzurre, colori di Cgil e Uil. Al corteo, secondo gli organizzatori hanno preso parte circa 50mila lavoratori. A Napoli è intervenuto il segretario confederale della Cgil Gianna Fracassi che si scaglia contro le riforme sul lavoro del governo Renzi:”Cancellano norme che cancellano diritti e libertà a partire dall’articolo 18 che anche se approvato si può ancora cambiare”. La Fracassi a proposito dell’intervento del Ministro dei Trasporti Maurizio Lupi ha dichiarato: “E’ gravissimo che si decida di precettare ferrovieri, si è voluto dare un colpo al diritto di sciopero”. Alla Cisl che non ha aderito allo sciopero la Fracassi dice: “Hanno perso un’occasione ma dobbiamo ritrovare l’unità dei sindacati”  di Fabio Capasso