Tensione sì, ma esasperazione no. Almeno non da parte del sindacato. Così Susanna Camusso, segretario generale Cgil, commenta le parole del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. “Le esasperazioni non fanno bene al Paese – aveva detto il Capo dello Stato – Lo sciopero generale è segno di una notevole tensione tra sindacati e governo“. Dal corteo per il 45° anniversario della strage di piazza Fontana, a Milano, la leader sindacale considera “una constatazione oggettiva” la frase sulla tensione con il governo, ma precisa che le sigle sindacali “non stanno esasperando nulla”. E anzi, punta il dito contro l’esecutivo di Matteo Renzi: “Continuare a dichiarare che si tira dritto è un modo di innescare lo scontro sociale”  di Stefano De Agostini