“E’ un terremoto morale, l’inchiesta delinea un quadro imbarazzante”. Fabrizio Panecaldo, capogruppo Pd dell’assemblea comunale di Roma, commenta l’inchiesta ‘mondo di mezzo‘ sulla Capitale che ha portato all’arresto di 37 persone e oltre cento indagati accusati a vario titolo di associazione di tipo mafioso, estorsione, usura, corruzione e turbativa d’asta. Fra gli indagati anche il presidente dell’assemblea capitolina Mirko Coratti (Pd) e l’assessore alla casa Daniele Ozzimo (Pd) che si è dimesso: “Ha fatto la cosa giusta, Coratti invece farà le sue valutazioni”. “E’ una città basata sulla corruzione e le clientele – dice Riccardo Magi presidente dei Radicali e consigliere comunale -. Questo è un terremoto annunciato, quando si dice che a Roma non ci sono i soldi non è vero, si sono bruciati e si continuano a bruciare miliardi di euro”  di Annalisa Ausilio