“Da oggi è operativa la nuova società Mediaset Premium spa a cui sono state integralmente conferite le attività di televisione a pagamento create nel 2005 dal gruppo Mediaset”. Lo ha annunciato il gruppo televisivo di Cologno Monzese in una nota.  “Come previsto, ai sensi dell’articolo 2343-Ter del Codice civile – prosegue la nota -, è stata depositata presso il Registro Imprese la Relazione di stima relativa al conferimento del ramo d’azienda che prevede il passaggio a Mediaset Premium di 267 dipendenti tra dirigenti, impiegati, tecnici e giornalisti già in forza al Gruppo Mediaset”.

Dalla situazione patrimoniale al 30 settembre 2014 emerge un totale delle attività di oltre 2 miliardi di euro e un utile operativo (Ebit) per il solo ultimo trimestre dell’esercizio in corso stimato in 19 milioni di euro. La società, secondo quanto rilevato da Radiocor nei giorni scorsi, parte con 1,7 milioni di abbonati, 118 milioni in cassa e la prospettiva di due esercizi in perdita prima del pareggio atteso per il 2017 dopo una perdita operativa di 33 milioni nel 2015 e di 21 milioni nel 2016. Al netto delle tessere prepagate, i clienti di Premium al 30 settembre scorso erano 1,72 milioni. Il piano 2014-18 punta ad aumentare i clienti grazie a tre fattori: l’attrattiva della Champions League di calcio in esclusiva per il 2015-18; una generale espansione delle tv a pagamento in Italia quantificato nel 2% annuo e una maggiore fidelizzazione degli abbonati. La struttura manageriale della nuova società è così costituita: Franco Ricci amministratore delegato a cui riportano il direttore Contenuti Yves Confalonieri, il direttore Commerciale Marco Rosini, il direttore Tecnologie Eugenio Pettazzi e il direttore Sistemi Informativi Domenico Alessio. Presidente del cda Marco Giordani.