“Credo si possa dare una valutazione molto positiva del lavoro fatto dal Parlamento. E’ uscito un testo migliore di come è entrato ed è stato accolto un numero importante di emendamenti di valore”. Così il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, commenta l’approvazione il Jobs act, anche se il governo Renzi resta da solo in Aula. Sono, infatti, andati fuori dall’Aula in segno di protesta Lega Nord, Sel, Movimento 5 stelle, Forza Italia e 40 deputati del Partito democratico. “L’atteggiamento della minoranza Pd era in qualche misura prevedibile”, precisa Poletti che sottolinea: “C’è una discussione che va avanti da tempo e posizioni notoriamente diverse. Tuttavia anche chi non ha espresso voto favorevole alla fine ha apprezzato i miglioramenti e ha riconosciuto il lavoro svolto”. Poi il ministro del Lavoro puntualizza che con questo testo “le norme italiane si allineano da diversi punti di vista con quelle europee: saranno più semplici e chiare e consentiranno alle imprese di fare investimenti e di assumere sapendo quale è il quadro di riferimento” video di Mauro Episcopo