Com’è possibile che 5 troupe vadano a seguire Renzi per il G20 in Australia e magari fanno lo stesso servizio o comunque un servizio molto simile? E’ davvero uno spreco di denaro pubblico“. Lo dichiara il presidente della Commissione di Vigilanza della Rai Roberto Fico, esponente del Movimento 5 Stelle, ai microfoni di “24 Mattino”, su Radio24. “In questo momento non c’è ancora il piano approvato di ristrutturazione” – aggiunge – “ma le direzioni dei Tg si potrebbero anche parlare quando c’è un evento del genere. Ho chiesto a Gubitosi quanto pensava di risparmiare con l’accorpamento delle testate Rai e lui ha ipotizzato circa un 20%. L’informazione in Rai ci costa circa 500 milioni e risparmiare 100 milioni l’anno non sarebbe assolutamente male“. E sottolinea: “Una ristrutturazione dell’informazione all’interno della Rai non c’è dubbio che debba avvenire, perché così non si può continuare. Però le strade sono varie. Noi del M5S” – continua – “leghiamo una riforma dell’informazione a una riforma anche della governance che stiamo scrivendo e che a breve presenteremo”. Il deputato pentastellato poi afferma: “Non sono d’accordo a mettere il canone Rai nella bolletta elettrica. Credo che crei molto scompiglio e molto caos. In questo momento dovremo più che altro parlare di un canone ridotto, ma per le fasce che sono più in difficoltà, magari per le giovani coppie. Parlerei di canone sociale e nell’anno che viene farei una riforma più ordinata, senza fretta. Penso che la fretta sul canone sia legata a uno spot molto popolare che il governo vuole fare“. Sul doppio incarico di Luisa Todini come membro del Cda Rai e presidente di Poste Italiane, Fico sottolinea: “Bene che la Todini lasci l’incarico. Però com’è possibile che si nomini un consigliere di amministrazione Rai alle Poste? E’ questo il punto” di Gisella Ruccia