Sel annuncia il suo ostruzionismo in Commissione e in Aula contro il Jobs act. Lo fa in una conferenza stampa indetta alla Camera. “Non c’è soltanto l’articolo 18, oggi è passata una norma che prevede l’abolizione della cassa integrazione per i casi di cessazione di azienda – spiega Giorgio Airaudo, parlamentare ed ex sindacalista – Fate conto che i 180 tavoli aperti al ministero dello Sviluppo economico, se fosse in vigore questa norma, non ci sarebbero e i lavoratori da anni starebbero a casa. Il Pd ha ritirato gli emendamenti, oggi solo le opposizioni protestano”. E poi ancora: Sul perché la minoranza del Pd sia più silenziosa, il parlamentare afferma: “Hanno dichiarato la resa. Ci sono diversi pesi, tra Sacconi e Damiano ha vinto il primo, ed Ncd è sicuro perché conosce emendamenti del governo che in Commissione non si conoscono, come avete visto” afferma. Il governo, infatti, in contemporanea alla conferenza stampa ha annunciato un emendamento all’art.18 che verrà presentato in Commissione domani sui licenziamenti disciplinari di cui Sel era all’oscuro: Si prevede il reintegro quando sono considerati dal giudice nulli. “E’ una tipizzazione buona per tenere a freno le diverse correnti dei partiti, inutile per i lavoratori – chiosa Airaudo – il datore di lavoro se ti vuole cacciare oggi usa il licenziamento economico e non si complica la vita”  di Irene Buscemi