Si parla della nascita di un nuovo soggetto politico “di sinistra” che riempia il vuoto di rappresentanza lasciato libero dal Pd di Matteo Renzi. E qualcuno fa il nome, come possibile leader, di Maurizio Landini, il quale però ha smentito di essere interessato all’iniziativa. Ma c’è davvero spazio per questo nuovo partito? Potrebbe venir fuori dalle urgenze della crisi economica e nel contesto delle lotte sociali contro la riforma del lavoro? Ma soprattutto, avrebbe la rilevanza mediatica e organizzativa per sfuggire a un destino di marginalità? Abbiamo posto la questione al corteo convocato dalla Fiom ieri a Milano in questo speciale di ‘Uomo da marciapiede‘. Tra i lavoratori in sciopero pochi hanno dubbi. Rivolgiamo ora la domanda a voi: c’è spazio per un nuovo soggetto politico che si rivolga ai ceti sociali più deboli di fronte alla crisi? Dite la vostra nei commenti e votando la risposta che vi convince di più di Piero Ricca, riprese Ricky Farina