marianna-madia-gelato-675Che poi esiste anche l’ipotesi che, femministe o no, con il french o con i peli sotto le ascelle, sovraquotate, sottoquotate o quotate rosa, le donne si rompano le scatole.
Già, è un’ipotesi che va tenuta in considerazione; perché il fatto che la deriva sessuale sia ormai connaturata a qualsiasi considerazione sul genere femminile, non significa che un bel giorno il gentil sesso non possa decidere che la resistenza passiva debba lasciare il posto a quella attiva.
Prima di qualsiasi altra considerazione, diciamoci la verità: se a mangiare un gelato in macchina con la moglie fossero stati il Ministro della Giustizia Orlando o il Ministro del Lavoro Poletti ad Alfonso Signorini non sarebbe venuta voglia di discettare circa le loro abilità di leccare un cono. La situazione è invece ben diversa se quel cono lo sta mangiando Marianna Madia. “Ci sa fare col gelato” diventa così un titolo jolly, a due livelli di lettura: per i meno preparati godibile in maniera general-generica in quanto malizioso e pruriginoso punto, per gli appassionati d’illazioni sessuali propedeutico ad insinuazioni varie con cui corredare la biografia del Ministro. Del resto gli insulti più utilizzati per le donne alla guida raccontano già un mondo: le invettive riservate al genere femminile al volante hanno tutte sfondo sessuale. In qualsiasi campo, non c’è sistema più efficace per sminuire o demolire una donna che ricondurla a oggetto erotico, e, volendosi spingere oltre, sollevare dubbi circa la sua moralità nell’ambito. Per il genere maschile (e a volte, ahimé, anche per quello femminile) il fantasesso è l’asso nella manica con cui svilire una donna, senza neanche la fatica di valutarla nel merito delle sue capacità.
La vera fotografia Signorini non l’ha fatta alla Madia ma a un modo becero, e soprattutto vigliacco, di relazionarsi al femminile. Perché se l’emancipazione della donna è stata un percorso inevitabile e la sua emersione nel mondo del lavoro non si è potuta arrestare, il baluardo attorno a cui gli uomini si arroccano e con cui cercano di arginare la potenza femminile è il fantasesso. Ma come si sono stufate del resto, le donne a un certo punto potrebbero stufarsi anche di questo.