Il giorno dopo il botta e risposta a distanza tra il presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi e il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker sul “non accettare lezioni dai burocrati di Bruxelles“, quest’ultimo torna sulla questione: “La Commissione è stata attaccata. D’ora in poi reagirò sempre a critiche ingiustificate da parte dei leader nazionali, io non ho paura“. Poi un po’ d’acqua sul fuoco: “Non ho niente di personale contro Renzi, che stimo, ma la Commissione europea merita rispetto. Non siamo burocrati ma uomini politici”  di Alessio Pisanò