Sono centinaia gli sfollati a Carrara, 10 le segherie di marmo allagate a causa dell’esondazione del fiume Carrione e ingenti i danni agli immobili. Ad Avenza, una delle zone più colpite, la potenza del fiume ha distrutto un argine svegliando gli abitanti per il forte boato. I mezzi aerei della Guardia Costiera recuperano le persone che si sono messe in salvo sui tetti. A Marina di Carrara si è volutamente distrutto un muro protettivo per far defluire le acque verso il mare, la cittadina è sommersa dal fango e i soccorsi si muovono solo grazie a gommoni e fuoristrada. Da poche ore la pioggia ha ricominciato a battere copiosa sulla zona di Max Brod