“Una sentenza che lascia l’amaro in bocca”. Così la giornalista Silvia D’Onghia, che per il Fatto Quotidiano negli anni si è occupata della vicenda del giovane morto dopo l’arresto, che continua: “L’andamento del secondo grado del processo dimostra purtroppo che c’è una legge degli impuniti