Ogni anno una parte dei fondi europei arricchisce la criminalità organizzata o viene usata impropriamente. Grazie alla collaborazione di procure e forze dell’ordine di tutta la Ue, l’ufficio europeo per la lotta anti-frode (OLAF) nel 2013 ha individuato truffe per 402,8 milioni di euro. “Le segnalazioni dalle autorità nazionali sono ancora poche” spiega però il direttore generale dell’Olaf Giovanni Kessler, solo 96 su quasi 1300. Se viene accertato l’uso fraudolento dei finanziamenti europei, i fondi vanno restituiti a Bruxelles  di Claudia Andreozzi