E’ tutto ripreso dalle telecamere e cristallizzato nei video: allusioni sessuali al ‘bunga bunga’ et similia e allusioni alla morte. Ma anche la turnazione dei bambini che ogni 10 minuti dovevano massaggiare le insegnanti”. Lo rivela Celere Spaziante, il legale dei genitori degli alunni di una scuola elementare di Scarmagno, in provincia di Torino, dove due maestre sono state denunciate per una serie di episodi “sconcertanti” e successivamente sospese in via cautelare dall’Ufficio scolastico regionale. Il caso, però, è stato archiviato dalla Procura di Ivrea, che ha rilevato solo profili disciplinari e non penali, ma l’avvocato Spaziante si è opposto. “Da una parte” – spiega il legale ai microfoni di “24 Mattino”, su Radio24 – “c’è un problema meramente dialettico, cioè utilizzo di linguaggio scurrile con allusioni sessuali e non vado oltre. Ci sono anche allusioni alla morte in maniera del tutto superficiale, invitando i bambini a riflettere sulla futura morte dei genitori, del tipo “cosa farete quando la mamma morirà, perché la mamma morirà?”. Dall’altra parte” – continua – “ci sono atteggiamenti dinamici, quali il lancio di scotch verso un alunno. E soprattutto questa turnazione dei bambini che ogni dieci minuti si alzavano, si mettevano in piedi dietro l’insegnante seduta regolarmente alla cattedra, massaggiandole la base nucale e le tempie”. Il conduttore Alessandro Milan interpella anche Mario Rusconi, vicepresidente dell’Associazione Nazionale Dirigenti e Alte Professionalità della Scuola, che non vuole esprimersi sulla decisione del Pm Chiara Molinari sull’archiviazione del caso, ma sottolinea: “Hanno fatto bene prima il preside della scuola, e poi il Provveditorato, a sospendere le due insegnanti” di Gianfo Franchi