“Ieri sera hanno giocato una partita meravigliosa“, avrebbe detto posando insieme a loro per una foto di gruppo. Il soggetto della frase sono i calciatori del Bayern Monaco, che ieri hanno travolto la Roma in Champions League per 7 reti a una allo Stadio Olimpico. A pronunciarla, secondo il profilo Twitter della squadra bavarese, è stato il vescovo della città eterna, Papa Francesco, nel pieno di quella che i tifosi giallorossi vivono come una giornata di “dolore”. In via ufficiale, invece, il pontefice ha usato parole diverse: “Ho saputo il risultato della partita di ieri sera – ha detto Francesco parlando con la squadra – no comment“, ha concluso sorridendo il Santo Padre. 

Ma il riferimento alla “partita meravigliosa” ha colto di sorpresa parte dei tifosi giallorossi, che sui social media hanno espresso il loro disappunto. Su Twitter gli spunti più divertenti e interessanti. “Un motivo in più per essere ateo”, si sfoga Riccardo. “Così, giusto per aumentare l’autostima dei giocatori della Roma”, cinguetta Maurizio Cescon. Ancor più nutrita la schiera di chi scherza sull’accaduto: “L’incontro del Bayern Monaco con Papa Francesco dura 15 minuti. Quanto quello con la Roma”, ironizza Konrad K. Schubert. “Per il #Bayern, Padre Georg allo stadio e la benedizione di Papa Francesco. Altro che la cupola di Moggi”, il commento al veleno di un amareggiato Gianluca Maurizi, mentre Giulia Riccio fotografa la situazione dalla sponda giallorossa: “Vuole inimicarsi mezza Roma, mi sa”. 

C’è anche chi offre una lettura politica dell’accaduto, un’analisi (semiseria) dei delicati equilibri alla base dei rapporti tra il pontefice e i vescovi: “È un omaggio all’ala più progressista della chiesa, rappresentata dal cardinale Marx, arcivescovo di Monaco, presidente della conferenza episcopale tedesca, grande elettore di Bergoglio e fedele al suo kingmaker, il grande teologo card Kasper”. Colta la citazione di Francesco Massetti: “Il Bayern da Papa Francesco: 1 placet – 7 non placet“, in riferimento al metodo di votazione che i vescovi utilizzano per votare durante i Sinodi. Ma la parola finale spetta a Matteo Pennone: “Forse era meglio se ci andava la Roma a farsi benedire“. 

Un’altra giornata da ricordare per la squadra campione di Germania. Subito dopo l’incontro con il pontefice sull’account Twitter del Bayern sono apparse le prime foto che mostrano il saluto del direttore generale Karl-Heinz Rummenigge e del presidente Karl Hopfner al Santo Padre, cui è stato donato un pallone con le firme dei giocatori. Successivamente il capitano Philipp Lahm e il portiere Manuel Neuer donato a Francesco una maglia del Bayern con il numero 1 e il nome ‘Franziskus‘ sempre con tutte le firme dei calciatori. Inoltre il Bayern Monaco ha promesso 1 milione di euro al Vaticano da devolvere in beneficenza.