Philippe Lamberts, co-presidente dei Verdi al Parlamento europeo: “Il M5S non ha risposto alla nostra richiesta di incontro dopo lo scioglimento del gruppo EFDD, ma la nostra porta resta aperta al dialogo”. Secondo il politico ecologista, i 17 eurodeputati pentastellati “hanno poco da spartire con il gruppo di Farage” e “l’arrivo di un deputato apertamente misogino con simpatie naziste mette seriamente in dubbio le loro frequentazioni e rischia di rovinare la loro immagine“. La posizione sull’euro? “Siamo d’accordo che questa situazione non può reggere, abbiamo solo soluzioni diverse, ma possiamo parlarne” anche perché “ci sono tanti nel movimento che vogliono cambiare l’unione monetaria e non distruggerla”  di Alessio Pisanò