“Espelleteli tutti in una volta sola, e poi facciamola finita con queste espulsioni”, scherza Marco Travaglio nel corso della serata organizzata ieri dal M5S Lombardia sul tema della corruzione. “Mi felicito per queste iniziativa”, chiarisce il condirettore del Fatto, relatore insieme al direttore de ilfattoquotidiano.it, Peter Gomez, al magistrato Piercamillo Davigo e al suo ex collega Antonio Di Pietro. “Ma se il Movimento spendesse sul tema della corruzione tutto il tempo che passa a parlare di espulsioni… prenderebbe anche più voti“. La platea del teatro Menotti di Milano applaude senza riserve, mentre i quotidiani online ancora titolano sulle espulsioni dei quattro attivisti che al Circo Massimo avevano chiesto più trasparenza. “Le proposte, anche sulla corruzione, noi le facciamo”, argomenta Stefano Buffagni, consigliere M5S in Lombardia e moderatore dell’incontro. “Questo lo so – replica il giornalista – ma bisogna martellare, dirlo dappertutto”. E suggerisce: “Manderei qualcuno bravo al Tg1 piuttosto che costringere la regia a mostrare la home page del blog di Grillo. Insomma, va sanato un deficit di comunicazione”. Concorde anche Buffagni, che sulle espulsioni, invece, stempera così: “Magari sarò il prossimo”  di Franz Baraggino