Nel Pd non manca chi si oppone a Matteo Renzi. Pippo Civati, Pier Luigi Bersani e Gianni Cuperlo non esitano a criticare il Jobs Act per difendere i diritti dei lavoratori, il “grande patrimonio della sinistra”. Ma quando arriva in assemblea il presidente del Consiglio, supereroe coi minuti contati, tutti si fanno zitti. 

LEGGI LA STRISCIA COMPLETA DI STEFANO DISEGNI