Nella legge di Stabilità ci saranno “incentivi che permetteranno per un triennio di non pagare contributi a chi fa assunzioni a tempo indeterminato”. L’annuncio è del premier Matteo Renzi all’assemblea generale di Confindustria Bergamo organizzata all’interno dell’azienda Persico, a Nembro. “Togliamo per i nuovi assunti l’articolo 18 e – prosegue Renzi – togliamo il peso fiscale per i primi tre anni. Tutti parlano dell’articolo 18. Invece 18 sono i miliardi di euro che taglieremo come tasse tra la legge di Stabilità per il 2014 e quella per il 2015. Di questi 18 miliardi, 10 miliardi di euro andranno a finanziare in modo stabile il bonus degli 80 euro, mezzo miliardo di euro in detrazioni fiscali per le famiglie e il resto andrà in due misure: incentivi che permetteranno per un triennio di non pagare contributi per chi fa assunzioni a tempo indeterminato e il resto per la riduzione dell’Irap che è una tassa che manda fuori di testa per la sua componente lavoro. L’Irap dà un messaggio che il lavoro sia solo un costo, per questo dal 2015 aboliremo quella componente lavoro dell’Irap che vale circa 6,5 miliardi di euro”  di Francesca Martelli