“Io non obbedisco. Si assumano la responsabilità di negare ancora una volta diritti riconosciuti dal diritto europeo'”. Così il sindaco di BolognaVirginio Merola, risponde alle dichiarazioni del ministro dell’Interno, Angelino Alfano, che questa mattina ha annunciato una circolare in cui si chiede di cancellare tutte le trascrizioni delle unioni tra persone dello stesso sesso contratte all’estero. Merola, che da settimana difende la decisione di istituire il registro per i matrimoni gay, non retrocede di un passo e usa parole durissime. “Leggeremo questa stupida circolare, che ancora non abbiamo visto. Se vogliono annullare gli atti delle trascrizioni dei matrimoni contratti all’estero – ha concluso – lo facciano. Ma non nel nome di Bologna che come sindaco rappresento. Io non ritiro la mia firma”  di Giulia Zaccariello