Un gruppo nutrito di manifestanti curdi ha fatto irruzione oggi al Parlamento europeo per chiedere aiuto e solidarietà nei confronti dei loro concittadini sotto attacco da parte dell’Isis in Medio Oriente. Qualche decina di attivisti è poi entrata nel palazzo occupandolo. La polizia e il servizio di sicurezza sono subito intervenuti. Intanto fuori l’Aula è continuata la protesta dei curdi che all’Ue chiedono armi e munizioni per combattere l’esercito del califfo nero. “Siamo pronti a morire ovunque per il Kurdistan – avverte un manifestante – Qui, a Kobane, in Iraq e in Iran”  di Alessio Pisanò