“E’ stato creato un mostro giuridico”, avverte Renato Brunetta nella conferenza con la quale oggi alla Camera Forza Italia ha dichiarato la sua contrarietà alla nuova legge sul depistaggio approvata oggi a Montecitorio. E più duro ci va giù il parlamentare Francesco Paolo Sisto, che esprime così la sua indignazione: “Un regalo alle procure che potranno così arrestare chi disturba il loro lavoro: un inferno”. Forza Italia si scaglia contro l’introduzione di un reato che parla anche di “sviare le indagini“. Ancora Sisto: “Chi decide qual’è la retta via di un’indagine? Chi si arrischierà a dare un contributo utile al processo sapendo che se è in disaccordo con la linea della procura potrà incorrere in conseguenze?”. La conclusione del partito di Berlusconi? “Uno spauracchio contro l’interesse dell’accertamento della verità, a dimostrazione che in Parlamento il serpeggiante partito delle procure è vivo e vegeto”  di Manolo Lanaro