La notizia aveva cominciato a circolare in mattinata e in serata è arrivata la conferma ufficiale: dopo 10 giorni di sciopero, Air France cede alle richieste dei piloti. E, a patto che la mobilitazione finisca “subito”, rinuncia al progetto di creare Transavia Europe, compagnia low cost con basi in altri Paesi europei e i cui dipendenti avrebbero avuto contratti meno generosi rispetto a quelli francesiI sindacati dei piloti hanno scelto il muro contro muro, nonostante i richiami arrivati anche dal governo di Francois Hollande che anche mercoledì mattina è tornato a chiedere una soluzione “in tempi brevi”. Tantomeno il personale di terra, preoccupato di veder vanificare gli sforzi degli ultimi anni. Negli ultimi dieci giorni il 55-60% dei voli è stato cancellato, con gravi disagi per i passeggeri soprattutto negli scali parigini e negli aeroporti francesi di provincia, come Marsiglia e Tolosa. In totale, il costo in termini di risultato operativo si aggira già intorno ai 200 milioni di euro. Così l’azienda è stata costretta a fare marcia indietro e a ripensare il proprio piano strategico a medio termine. Lo sviluppo nel segmento low cost diventerà “un progetto al 100% per la Francia”, ha spiegato l’amministratore delegato del gruppo Air France-Klm, Alexandre de Juniac. Un piano imperniato sulla filiale francese di Transavia e mirato alla creazione di “oltre 1.000 posti di lavoro” nel Paese, di cui 250 per piloti.

La proposta arriva però insieme a un monito: “Con il ritiro del progetto Transavia Europe – dice ancora de Juniac, citato in una nota – non c’è più alcuna ragione di fare sciopero, perché non sussiste più alcun timore sulla delocalizzazione. Chiediamo quindi ai piloti in sciopero di riprendere il lavoro subito”. La risposta ufficiale dei sindacati ancora non è arrivata, ma già il governo di Parigi plaude all’iniziativa dei vertici aziendali e si associa all’appello per una fine immediata della mobilitazione. “Ora ciascuno deve prendersi le proprie responsabilità – dice una fonte dell’esecutivo citata dall’agenzia France Presse – Il governo ritiene che ora la responsabilità dei piloti sia di sospendere lo sciopero”.