“Bisogna implementare il Patto della Salute in modo serio, perché credo che potremmo già recuperare almeno 900 milioni di euro di risparmi nel prossimo anno”. Queste le previsioni fatte dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, alla Festa nazionale dell’Udc di Chianciano (Siena). Dal palco il ministro analizza anche la cause della difficile situazione della sanità italiana, causa di “cattivi manager, cattivi direttori generali e sanitari, cattivi primari e cattivi assessori alla salute “. Il ministro presenterà anche la riforma di Aifa (l’Agenzia italiana del farmaco) “per rendere più efficiente l’agenzia”. Poi, sul percorso della fecondazione eterologa e le differenze normative che stanno prendendo piede tra Regione e Regione (come il recente caso della Lombardia), afferma: “Io l’avevo detto, è inevitabile senza una legge nazionale”. E avverte: “La comunitaria è un’occasione quasi unica per il recepimento della direttiva europea sull’eterologa”  di Max Brod