“Giustizia, giustizia!”, “Davide vive!”, “Lo Stato non ci tutela!”, “Assassini con la divisa!”: sono alcuni dei cori che alcune centinaia di persone hanno urlato nel corso del corteo che si è svolto per le strade del Rione Traiano di Napoli, dove i cittadini del quartiere hanno ricordato Davide Bifolco, il giovane 17enne ucciso per un colpo di pistola partito dall’arma di un carabiniere. “Lo Stato non ci tutela, la camorra sì”, dice uno dei fratelli del giovane. “Hanno ucciso mio fratello, l’hanno massacrato”, continua. Poi, rivolgendosi all’agente che ha sparato: “Sei in vigliacco e devi pagare! Vorrei parlargli viso a viso e chiedergli: cosa hai provato a fare questa cosa a mio fratello? Sei riuscito a prendere sonno quella notte? Se non gliela fate pagare lasciatecelo qua dieci minuti e poi si vede”. “Deve marcire in carcere, non deve avere neanche un po’ di pace”, ha detto invece la zia di Davide. Il corteo è arrivato fino a pochi metri dalla stazione dei carabinieri del quartiere, protetto da un cordone di poliziotti in assetto antisommossa. Non ci sono stati scontri  di Andrea Postiglione