“L’Occidente continua a fornire armi ad Israele, compresi gli strumenti di tortura che vengono utilizzati nelle sue carceri. Per far finire questa carneficina chiedo ai Paesi più avanzati di iniziare una sorta di embargo“. Queste le dure parole del poeta e scrittore palestinese Mourid Barghouti, ospite del Festivaletteratura in corso a Mantova, dove ha presentato il suo ultimo romanzo “Ho visto Ramallah”. Sul presidente degli Stati Uniti, Barak Obama, Barghouti ha aggiunto: “Dopo un primo periodo in cui sembrava davvero seguire la strada di un cambiamento, ora si sta comportando come George W. Bush. L’establishment lo blocca e così non è riuscito a cambiare un bel niente”  di Fabio Abati