È la cittadina pugliese di San Marco in Lamis, in provincia di Foggia, la più colpita dal violento nubifragio che durante la notte si è abbattuto nella zona. “Più che pioggia abbiamo avuto bombe di acqua che ci hanno messo al tappeto”, spiega il sindaco Angelo Cera, che ha anche invitato anche il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti a far visita all’area. “Purtroppo ci siamo accorti stamattina che la città, soprattuto nella parte alta è stata oggetto di 5 o 6 smottamenti importanti, in alcuni casi pericolosissimi. Sono stato costretto a fare un’ordinanza di sgombero, l’area interessata è molto ampia, ha interessato 5-6mila persone, ma solo 200 famiglie si sono mosse, le altre hanno messo in moto il meccanismo ‘aiutati che Dio ti aiuta’ e si sono rivolte a familiari e parenti”, prosegue il sindaco. “La stima dei danni è altissima – specifica il primo cittadino – è chiaro che chiederò lo stato di calamità, questi danni si risolvono solo con lo stato di calamità. Io non ho una lira al Comune. Madre Natura qualche volta si incazza di fronte all’irresponsabilità della gente. Probabilmente abbiamo costruito male, probabilmente le urbanizzazioni sono state fatte male e purtroppo questa notte abbiamo pagato questo pedaggio”  di Chiara Carbone