Beppe Grillo vuole il Circo Massimo per la manifestazione “Italia a 5 Stelle” e si appella a Mick Jagger. Mancano i permessi, che da Roma assicurano arriveranno nelle prossime ore, e il leader M5s chiede di avere lo stesso spazio concesso poco tempo fa ai Rolling Stones per il loro concerto. “Mick, torna da noi con i Rolling Stones, tornate!”, ha detto Grillo con un videomessaggio registrato. “Dobbiamo fare una grande manifestazione come Movimento 5 Stelle al Circo massimo! Se non tornate voi Marino, il sindaco di Roma, non ci dà lo spazio”. E ha poi invitato a fare lo stesso gli attivisti, pubblicando i contributi sui social network con l’hashtag #Italia5stelle.

“Mick per favore”, ha continuato. “Ci conosciamo, ti ricordi vent’anni fa venivi sul set a controllare la tua ex moglie, allora tua moglie, Jerry Hall, quando la baciavo facevi dei casini che eri geloso. Sì l’ho baciata. Te lo dico adesso. Va bene? Sul set del film ‘Topo Galileo’. Torna. Non essere più geloso, son passati tanti anni. Dammi una mano. Quello spazio lì è stato dato a tutti. E’ stato dato a te per pochi soldi, alla Cisl, alla Uil, a un sacco di società.Perché Marino non ce lo deve dare a noi? Perché noi non entriamo nell’infanzia di Marino, mentre tu sei l’infanzia di Marino. Per favore Mick torna con tutta la band dei Rolling stones e ‘I can’t get no satisfaction’ lo cantiamo insieme”. Poi il fondatore del M5s si è rivolto direttamente al sindaco di Roma: “Marino per favore! Tanto se tu non ci darai il permesso e farai finta di dire di sì per far passare del tempo poi probabilmente il permesso ce lo prenderemo lo stesso. Marino stai con noi e una volta nella vita prendi una decisione ‘rockettara’. Marino dacce er Circo massimo”.

Per i permessi però, secondo il senatore di Forza Italia ed ex sottosegretario ai beni culturali Francesco Giro, mancano poche ore: “Per quanto ne so il via libera dovrebbe arrivare dal tavolo tecnico del Campidoglio non oltre martedì quindi è questione di qualche ora. I Rolling Stones possono restare dove sono e il sindaco non avrà bisogno di indossare gli abiti del rockettaro”.