Nonostante la riforma della scuola sia stata depennata dal Consiglio dei ministri di oggi, precari e insegnanti scendono in piazza a Roma per protestare contro il governo. “Noi siamo la famosa ‘quota 96’ – spiega un docente – avremmo dovuto andare in pensione quest’anno come deciso dalla Camera, ma il Senato ha bocciato la misura per mancanza di coperture. Il premier Renzi deve trovare una soluzione, siamo 4.000 insegnanti in questa situazione”. Anche il presidente onorario della Corte di Cassazione, Ferdinando Imposimato, si unisce alla protesta degli insegnanti chiedendo “un decreto ad hoc che permetta a questi insegnanti di andare in pensione”. In piazza anche i precari critici nei confronti del governo: “Promettere di stabilizzare 100.000 persone è solo una goccia nell’oceano. Non è un caso – dice un’insegnante – che oggi in cdm non si parli di scuola. Contiamo meno di zero e a loro non interessa”  di Annalisa Ausilio