Stefano Bonaccini “ci faccia sapere cosa intende fare” in vista delle primarie del centrosinistra per le prossime Regionali. A ‘gelare’ il segretario regionale del Pd, papabile candidato ma anche ‘regista’ delle decisioni del partito, è il sindaco di Bologna Virginio Merola. Secondo il primo cittadino, insomma, “chi si vuol candidare si candidi, senza tragedie”, perché “questo rinvio immotivato crea solo sconcerto e rischiamo di fare di una cosa sacrosanta una cosa ridicola”.

Le consultazioni tra gli iscritti sono previste per la fine di settembre, ma ancora non c’è la lista di chi si presenterà. E soprattutto l’attuale rappresentante della segreteria nazionale non ha ancora sciolto la riserva in attesa delle indicazioni del presidente del Consiglio. “Stefano Bonaccini sarebbe il candidato con il più largo consenso”, ma anche Daniele Manca ”ha il profilo adeguato ed è un amministratore capace”. Nemmeno Raffaele Donini, segretario bolognese del Pd, esce dallo stallo del partito per la scelta del candidato ‘forte’. Parlando a margine della presentazione della Festa dell’Unità, Donini ha riconosciuto che “siamo in una situazione delicata ed è anche comprensibile visto che stiamo costruendo una nuova fase politica dopo quindici anni di governo Errani”, escludendo che “ci sia un balletto delle candidature”. Dunque, ha sottolineato, anche l’ipotesi di un via della Festa senza che questo nodo venga sciolto non sarebbe negativa: “Non ci sarebbe nessun imbarazzo, abbiamo fissato la data del 9 settembre come termine per le candidature e nel frattempo confezioneremo le idee programmatiche”. Il 12 settembre alle 21 è in programma un confronto tra i futuri candidati alle primarie che saranno liberissimi di raccogliere le firme necessarie all’interno del Parco Nord.

Nell’attesa del “nome forte”, scendono in campo gli outsider. A fare un passo avanti oggi è Palma Costi. Modenese di Camposanto, 55 anni, la Costi è stata l’ultima presidente del consiglio regionale: “Offro la mia disponibilità per un progetto che guardi in primo luogo ai cittadini”, ha scritto su Facebook. Parole chiave: “Piena occupazione e benessere della comunità”.