Si sentono più austriaci che italiani, portano con orgoglio costumi d’epoca e baffoni. Sono i nostalgici dell’impero asburgico che vivono in Lombardia ma vorrebbero tornare col Trentino. Anche quest’anno il comune di Valvestino (Brescia) ha organizzato la festa “Valvestino nell’impero“. Si tratta di una rievocazione storica per rinnovare il legame di vicinanza con il confinante Trentino. Valvestino, infatti fu, dall’XI secolo, feudo dei conti di Lodrone prima e sotto il dominio del principato vescovile di Trento poi. Da sempre terra di confine, dopo la dominazione asburgica iniziata nel 1826, divenne italiana nel 1918. Fino al 1934 faceva parte del Trentino prima di passare sotto la provincia di Brescia. E il referendum del 2008 ha sancito la volontà degli abitanti di ritornare con il Trentino. Ora un disegno di legge in parlamento deciderà il futuro del paese dell’alto garda. “Festeggiamo il ricordo del genetliaco dell’imperatore Francesco Giuseppe – spiega il sindaco Davide Pace. Noi per cultura e tradizione ci sentiamo più legati al Trentino che alla provincia di Brescia.” Ma per molti, tra le oltre tremila persone presenti alla festa, si tratta di un richiamo nostalgico all’epoca della dominazione austriaca. Insomma tra canti, balli, costumi d’epoca e colpi di cannone la voglia di un tuffo nel passato è più che mai presente  di Davide Cordua