Ci saranno altre Gaza senza una soluzione di due Stati? La tragedia in atto è il sintomo più acuto della disperazione derivante dal fallimento del processo di pace. Ma Netanyahu non impara la lezione della storia. E gli occupanti perdono sempre alla fine. O sbattano in carcere il diciannovenne israeliano Udi Segal che si è rifiutato di unirsi all’esercito. Non è il solo obiettore di coscienza, altri 130 “refusers”, hanno scritto al presidente  accusandolo di crimini di guerra.

Un dolore insopportabile, sbattuto in faccia ogni giorno, sommerge il dibattito Israele-Palestina mentre va in scena l’ennesima tregua. Lo analizza acutamente un osservatore speciale, Stephen Robert, dal curriculum ineccepibile, banchiere, chancellor emerito della Brown University, membro del Council on Foreign Relations  e del consiglio d’amministrazione del prestigioso Watson Institute for International Studies. Stephen è anche l’international director dell’U.S./Middle East Project e co-fondatore con la moglie Pilar Crespi di Source of Hope, che da cinque anni denuncia le insostenibili condizioni di vita dei palestinesi nei territori occupati. Sono state secondo lui “le sostanze nutrienti per l’attuale catastrofe e forse anche peggio in futuro”.

Questo il suo resoconto per Haaretz, il seguitissimo sito web specializzato sulle tematiche del Medioriente.

 

Nel 2009, il primo ministro d’Israele Netanyahu israeliano ha tenuto un discorso alla Bar Ilan University, che, anche se molto sfumato, presumibilmente sosteneva una soluzione a due Stati. Suo padre, estremista della destra, poi ha rilasciato un’intervista alla tv israeliana nella quale sosteneva che suo figlio non approverebbe mai uno Stato che i palestinesi possano accettare. Lo scorso anno il figlio ha dimostrato palesemente la profezia del padre.

La pretesa di Netanyahu, al contrario, è stata demolita, da altri e da se stesso. Poiché non c’è altra soluzione sostenibile, i palestinesi hanno ormai perso tutte le speranze del loro diritto dato da Dio a governare se stessi con dignitosa umanità. La Storia ci informa che quando quella speranza è perduta, un estremo radicalismo ne consegue. E sono gli occupanti  alla fine a perdere.

Dichiarazioni pubbliche e private di funzionari suggeriscono che questo governo israeliano non è mai stato serio sulla pace. L’inviato speciale per gli Usa Martin Indyk e Philip Gordon, principale consigliere di Obama per il Medio Oriente, fanno ricadere la colpa su Israele, forse con schiettezza senza precedenti per i diplomatici americani. Si cita il rigetto di Israele di ri/discutere i confini, produrre mappe, fine dell’espansione di insediamento e il rifiuto a negoziare.

Indyk ritiene che il Presidente palestinese Abbas è stato umiliato e imbarazzato dall’accoppiamento di Israele di espansioni di insediamento con ogni rilascio di prigionieri palestinesi, sottintendendo che Abbas aveva accettato di pagare per i prigionieri. Durante i nove mesi di trattative, Israele ha annunciato la pianificazione di 8000 unità di insediamento, in gran parte fuori dalla zona che probabilmente faranno parte di Israele in qualsiasi accordo di pace. Entrambi gli uomini danno anche notevoli responsabilità ai palestinesi, tuttavia in proporzione notevolmente diversa rispetto ai precedenti tentativi falliti di mediare la pace.

Più importante, il primo ministro Netanyahu ha ora tolto la maschera d’ipocrisia. In una recente conferenza stampa, […] ha annunciato che qualsiasi Stato palestinese contiguo a Israele rappresenterebbe un pericolo inaccettabile. Pertanto, un tale stato deve avere indeterminato occupazione militare israeliana, non solo nella Valle del Giordano, ma in tutto il suo territorio. Sembra che il presunto sostenitore dei due Stati immagini uno stato palestinese – sovrano, ma sotto l’occupazione israeliana.

Certamente la posizione di Netanyahu non supera un test di risata. […] La coalizione Netanyahu favorisce uno Stato bi-nazionale, uno Stato dove una grande percentuale dei suoi abitanti non saranno cittadini e verranno governati senza il loro consenso. Essi continueranno, come è stato per quarantasette anni, ad avere negati i diritti più elementari di una società civile.

Si tratta di apartheid? La Corte penale internazionale definisce apartheid “come un crimine commesso nel contesto di un regime istituzionalizzato di oppressione sistematica e di dominazione di un gruppo razziale sopra qualsiasi altro gruppo, con l’intento di mantenere quel regime.”

Le Nazioni Unite hanno definito la segregazione in modo sostanzialmente simile. Per gli ebrei questa soluzione lascia il loro amato stato ebreo democratico né democratico né ebreo. I giovani ebrei saranno sempre più dissociati da Israele e il mondo disprezzerà lo Stato sempre più. Mentre i palestinesi perdono ogni speranza di uno Stato sovrano e il diritto della libertà che gli è riconosciuto. Più generazioni di palestinesi si troveranno ad affrontare un futuro incerto.

I nostri cuori sono a pezzi per i bambini ammazzati, palestinesi ed israeliani. Siamo esterefatti per i massicci attacchi missilistici di Hamas e piangiamo gli oltre mille civili palestinesi uccisi mentre Israele espande la sua difesa. Ma queste tragedie non sono che i sintomi della disperazione derivante dal fallimento della pace. Fino a quando una soluzione a due Stati non diventerà possibile, dovremmo aspettarci il peggio.
Per ora, la soluzione a due Stati è sfumata. Si spera che un altro Yitzhak Rabin emergerà prima che il troppo sia andato perso.

Stephen Robert

Twitter @piromallo