Gentilissimo Capo della Polizia Dott. Alessandro Pansa,

Sono il Dott. Luca Faccio da Bassano del Grappa Vicenza.
Le scrivo per chiederle la cortesia di sensibilizzare i suoi uomini, attraverso la diramazione di una circolare a tutte le volanti, a porre maggior attenzione quando devono parcheggiare, e non usufruire indebitamente di spazi riservati ad altri.

Le posso assicurare che avendo una disabilità di tipo motorio è sempre un impresa trovare un parcheggio libero riservato ai disabili perché molti cittadini non riflettono sull’importanza di tali spazi e già questo non è corretto,  se poi a parcheggiare sono i mezzi delle Forze dell’Ordine è ancora più grave, non crede? Soprattutto se la motivazione della sosta nell’area riservata è per andare a prende il pane.

Certo della sua sensibilità rimango in attesa di una sua risposta che verrà pubblicata nel mio blog de il Fatto Quotidiano.

Cordiali saluti,
Dott. Luca Faccio

Per segnalare la vostra storia scrivete a: raccontalatuastoria@lucafaccio.it 

 

__________________________________________________________________________

Gentilissimi Lettori, riporto di seguito la risposta del Capo della Polizia Dott. Alessandro Pansa alla mia lettera del 17/08/2014.
Desidero  ringraziare il Dott. Pansa per la rapidità nella risposta e per la sensibilità dimostratami.

 

Gentilissimo dottor Faccio,
ho letto con attenzione la Sua lettera con la quale ricorda, giustamente, quanto sia necessario avere sempre, in ogni momento, il massimo rispetto delle regole. Concordo quando scrive che ogni azione non corretta posta in essere da un rappresentate delle Istituzioni è ancor più grave.

Il Questore di Padova, sull’episodio che lei cita e del quale sono stato tempestivamente informato, ha subito avviato le procedure volte a stabilire le responsabilità del caso.

Le vorrei però anche dire che ho contezza di quanto le donne e gli uomini della Polizia di Stato siano vicini a chi ha maggior bisogno di tutele ed è per tale motivo che quanto accaduto mi ha molto sorpreso e amareggiato profondamente. Questi valori, propri della Polizia di Stato, non possono essere offesi da simili disdicevoli comportamenti, concetto ben noto a tutti gli appartenenti.

Dal canto mio Le posso ribadire che ho già evidenziato, questo sì, a tutti i Questori della Repubblica, la necessità di intervenire con giusto rigore di fronte a comportamenti non adeguati eventualmente tenuti da operatori della Polizia di Stato. Questo nell’interesse non solo di tutti i cittadini che hanno il diritto di essere tutelati in ogni momento da chi è deputato alla loro sicurezza ma anche a tutela della stragrande maggioranza dei poliziotti che quotidianamente svolgono con onore, alto senso del dovere e, a volte, estremo sacrificio i loro compiti.

Nel salutarla cordialmente Le assicuro che le giuste segnalazioni che mi perverranno da parte dei cittadini troveranno in me un ascoltatore attento.

Alessandro Pansa, 20/08/2014