“Sarò a fianco di Lino Banfi nel film L’allenatore nel pallone 3. Al giorno d’oggi è importante trovare altri lavori!”. Il senatore di Forza Antonio Razzi lo aveva annunciato in pompa magna la sua partecipazione al terzo atto di un classico dei B movie italiani, girato 30 anni fa. Ma la smentita è arrivata direttamente dall’attore pugliese, protagonista della celebre pellicola nella quale interpretava il simpatico allenatore Oronzo Canà: “Cado dalle nuvole”, ha dichiarato Banfi al Corriere della Sera. “Per ora è tutto falso – ha continuato – non conosco questo Razzi, che comunque mi ispira molta simpatia, non l’ho mai cercato per recitare e soprattutto finora non c’è alcun progetto di un Allenatore nel pallone 3“.

Banfi, nel 2008, si era già cimentato nel sequel del film, l’Allenatore nel pallone 2. Un fiasco, ammette lo stesso attore 78enne che però lascia uno spiraglio ai tanti fan di Oronzo Canà: “In tanti mi chiedono di rifarlo. Anzi l’Associazione degli allenatori mi ha dato un tesserino ad honorem a giugno, volendo potrei pure fare l’allenatore vero. Ancelotti e Lippi se li incontro mi chiamano mister. Loro a me” racconta divertito Banfi dalle colonne del Corriere. Ma Banfi dà un po’ di speranza anche al senatore: “Mi contatti, lo metto a fare il presidente della Longobarda”. Arrabbiato per la bufala? Nemmeno per sogno: “Sono solo arrabbièto perché ha tanti capelli e io no…”.

Il film cult uscito di Sergio Martino, uscito nel 1984, raccontava la rocambolesca stagione della Longobarda guidata da Oronzo Canà che dovrà conquistare la salvezza in Serie A. In mezzo, una miriade di gag e personaggi strampalati (tante anche le comparse di alcuni protagonisti del Campionato italiano dell’epoca), tra cui anche Gigi e Andrea, che interpretano due procuratori, che tenteranno in tutti i modi di truffare Canà.