Antonio Conte nuovo commissario tecnico dell’Italia. Il miglior allenatore su piazza a un costo ragionevole per le casse della Federazione. Una bella notizia per la maggior parte dei tifosi, che adesso sogna il rilancio della Nazionale. Eppure, al di là dell’affaire-ingaggio, c’è una nota stonata: perché è recente una macchia nella carriera di Conte. La squalifica per 10 mesi per il calcioscommesse, che – a detta di molti – non lo rende la persona più adeguata a guidare la rappresentativa del Paese. Sul piano strettamente sportivo, in questo momento non ci sono sul mercato tecnici che abbiano vinto e dimostrato quanto lui negli ultimi anni. Per questo il nuovo presidente della Figc, Carlo Tavecchio, ha fatto senza dubbio un gran colpo nel convincerlo ad accettare l’incarico: sotto il profilo dello stipendio, ormai è cosa nota, la Figc non supererà il tetto di 1,5 milioni di euro l’anno fissato già in occasione del precedente contratto di Cesare Prandelli, mentre il resto dello stipendio da circa 3,5 milioni netti a stagione verrà coperto dallo sponsor tecnico Puma, con una formula studiata ad hoc per la situazione.

Ma, tornando alla questione morale, bisogna analizzare la posizione della Federazione: la Figc che oggi ingaggia e celebra Conte è la stessa che esattamente due anni fa di questi tempi lo squalificava per 10 mesi per omessa denuncia nell’ambito del processo sportivo sullo scandalo calcioscommesse. Allora la commissione disciplinare aveva stigmatizzato la condotta dell’allenatore in occasione della partita Albinoleffe-Siena,(in cui fu “provato che fosse a conoscenza della combine”) ritenuta tanto grave da definire “non congrua” l’istanza di patteggiamento a tre mesi concordata fra i legali di parte e la Procura. Adesso quella macchia, che non si può cancellare, è dimenticata (proprio come nel curriculum di Conte pubblicato sul sito della Federcalcio, a margine del comunicato che annuncia la firma del contratto, dove non compare traccia della squalifica). Né si tratta dell’unico contenzioso con la Federazione: per i giudizi “lesivi” espressi in merito a quella sentenza e all’operato degli organi della Giustizia sportiva, il tecnico salentino era anche stato deferito dal procuratore Stefano Palazzi.

Naturalmente non esiste una norma che vieti a Conte di diventare ct per i suoi trascorsi (per cui, in ogni caso, ha già scontato la pena comminata). Solo una questione di opportunità. Lo stesso discorso valido per il suo diretto superiore, Carlo Tavecchio. Nel corso della durissima campagna elettorale delle scorse settimane, tra le tante ragioni di critica alla candidatura sono state tirate in ballo anche le sue cinque condanne penali maturate tra il 1970 e il 1998, per un totale di un anno, tre mesi e 28 giorni di reclusione. Per quelle vicende, però, l’ex sindaco Dc di Ponte Lambro ha potuto godere della piena riabilitazione: il suo casellario giudiziale è pulito e quindi a rigor di legge è perfettamente eleggibile per le cariche federali (del resto nel 1999 aveva anche chiesto ed ottenuto un parere favorevole alla Corte Federale). Pure qui, però, resta il dubbio che forse una persona senza alcun tipo di precedenti (riabilitati o meno) sarebbe stata più adatta per ricoprire un ruolo di così alta rappresentanza.

Perché poi ci sono i possibili strascichi di quegli eventi. L’ultima stagione calcistica è stata segnata dalle discussioni sulle curve chiuse per i cori di discriminazione razziale e dal codice comportamentale per i giocatori della nazionale. A causa di quest’ultimo caso, per dire, era stato lasciato fuori dall’Europeo Domenico Criscito, per via di un presunto coinvolgimento nell’inchiesta calcioscommesse. Due temi “etici” – anti-razzismo e regolarità delle partite – su cui la Federazione targata Abete-Prandelli si era mostrata inflessibile. Sarà più difficile farlo in futuro, dopo la gaffe razzista del presidente e i trascorsi del ct. Altrimenti seguiranno nuove e ancor più accese polemiche. La coppia Conte-Tavecchio promette un futuro roseo per la nazionale, ma ha un passato non del tutto limpido. Solo con le vittorie potrà far dimenticare questi aspetti anche i tifosi più intransigenti.

Twitter: @lVendemiale