Per il Movimento 5 Stelle “il trio Napolitano, Renzie, Berlusconi” ha tradito la Costituzione. Il Paese quindi è al bivio: “O loro o la democrazia”. Per questo Beppe Grillo dal suo blog annuncia “la lunga marcia” del M5s che ha un solo obiettivo: arrivare a Palazzo Chigi. “Se necessario – scrive – dovremo convincere gli italiani uno per uno, un porta a porta nazionale, ma arriveremo al governo. Non abbiamo fretta. Con questi golpisti comunque non ci vogliamo più avere niente a che fare. Prepariamoci al referendum confermativo per il Senato. Il potere appartiene al popolo, non ai partiti”.

Il post, accompagnato da un fotomontaggio dove Grillo veste i panni di Mao Tse-tungarriva all’indomani dell’approvazione del ddl Boschi in prima lettura al Senato, che riscrive la composizione e le funzioni dei prossimi parlamentari di Palazzo Madama. “Dopo l’abolizione del Senato – scrive online – e il tradimento della Costituzione da parte del trio Napolitano, Renzie, Berlusconi, l’unica forza democratica del Paese è il M5S. L’unica – sottolinea – che opera attraverso gli strumenti di democrazia rimasti: leggi popolari, referendum, elezioni di candidati ‘non nominati’, rispetto dell’esito referendario dell’eliminazione dei finanziamenti pubblici ai partiti e della pubblicizzazione dell’acqua”.

Secondo Grillo “non c’è più l’alternativa tra noi o loro, ma tra loro e la democrazia. Il M5S ha provato in tutti i modi di affermare una democrazia con la partecipazione autentica dei cittadini”. L’ex comico sottolinea che i Movimento “ha persino provato a migliorare la legge elettorale con una sua proposta, sbeffeggiata dall’ebetino, che non ci ha ancora risposto in streaming come se non rappresentassimo milioni di votanti alle politiche, che giocava con il telefonino mentre i nostri rappresentanti discutevano“. Poi definisce il presidente del Consiglio Matteo Renzi “un truzzo con le pieghe della pancia de fora nella camicetta bianca da gagà”. E conclude: “O loro o la democrazia. Non c’è più scelta. Sarà una lunga marcia”.