Mercoledì Christopher Gunnes, un funzionario delle Nazioni Unite, è scoppiato in lacrime durante un’intervista ad Al Jazeera sugli attacchi ad una scuola di Gaza. Un crollo di nervi di fronte alle assurdità di un conflitto che sta chiedendo un altissimo tributo in vite umane tra i civili palestinesi. L’Idf aveva bombardato una scuola gestita dall’Onu a Jabaliya: almeno 20 morti, decine i feriti. Tra le vittime palestinesi secondo l’Ufficio Onu per gli affari umanitari (Ocha), ci sono 249 bambini