Il comune di Cinisello Balsamo, prima cintura dell’hinteland milanese, è tra gli ultimi ad aver imposto alle imprese di onoranze funebri un listino calmierato sui funerali da effettuare in città. “Ci vorranno circa 1350 euro per seppellire un proprio caro”, dicono dalla sede del comune milanese. Ma gli impresari non credono sia questo il modo migliore per combattere la crisi. “Si dovrebbe lasciar agire la libera concorrenza di mercato”, dice Davide Veronese del Consorzio onoranze funebri di Cinisello Balsamo, che aggiunge: “Milano ha imposto, per esempio, una tariffa di poco superiore ai mille euro; un proposito che ucciderà il settore”. “Del resto – racconta un altro imprenditore, Mario Turchi – non sempre il low cost paga. I colombari con sistema di sfiato, per risparmiare sull’anima in zinco delle casse, stanno cominciando ad evidenziare dei limiti: si sentono troppi cattivi odori nei cimiteri che li adottano”  di Fabio Abati