Un nonno e il suo nipotino di 17 mesi sono morti a Cervia, in provincia di Ravenna, durante una passeggiata lungo le saline. I corpi senza vita sono, infatti, stati ritrovati nelle vasche salmastre che costeggiano alcuni sentieri. Non è chiaro se a provocare la caduta nell’acqua sia stato un malore del nonno che avrebbe poi avuto conseguenze anche sull’incolumità del piccolo o se sia stato il bambino a cadere in acqua e il nonno abbia cercato, invano, di soccorrerlo. Sul posto sono arrivati i carabinieri, il medico legale e il pm di turno che ha già disposto l’autopsia per capire l’esatta dinamica dell’accaduto. Nonno e nipotino, del posto, si erano allontanati dalla famiglia intorno alle 9 per andare a fare una passeggiata, ma dopo circa due ore, non vedendoli rientrare, i parenti hanno dato l’allarme. Le ricerche si sono concluse intorno alle 13 con il ritrovamento dei due cadaveri.

A trovare i loro corpi senza vita sono stati i genitori del piccolo, preoccupati perché non li vedevano tornare dalla passeggiata in bicicletta. Il bambino, Thomas Moschini, 17 mesi, e il nonno Lorenzo Ferri, 76 anni, sono morti proprio durante una delle gite che facevano abitualmente. I due erano usciti alle 8 e poi, secondo quanto ricostruito sinora dai Carabinieri, avevano proseguito a piedi. Non ci sono al momento testimoni che possano raccontare quanto successo: l’ipotesi è che il bimbo sia caduto in acqua e il nonno abbia provato, senza riuscirci, a salvarlo. Alle 12 i genitori hanno dato l’allarme e sono usciti a cercarli, trovandoli mezz’ora dopo, senza vita, nel canale di via del Vallone. I corpi sono stati recuperati dai vigili del fuoco. Sul posto il Pm di turno Cristina D’Aniello.