I missili israeliani continuano a cadere sulla Striscia di Gaza. Hamas continua a lanciare razzi verso Israele. Sono oltre 180 i palestinesi che sono rimasti uccisi dall’inizio dell’operazione ‘Margine Protettivo’ lanciata da Gerusalemme. L’esercito israeliano tenta di colpire i dirigenti del movimento islamista, ma spesso sbaglia bersaglio. Secondo fonti del ministero della Salute di Gaza la maggioranza dei morti e fertiti, oltre 1400, sono donne e bambini. Questa mattina l’aviazione ha sganciato 3 ordigni su una casa di fronte a quella di un ex ministro di Hamas. Il dirigente è rimasto illeso, la casa dei suoi vicini, dove viveno sette persone è stata distrutta. “I quasi 200 morti dall’inizio della guerra sono dei martiri” dice Sami Abu Zuhri, il portavoce di Hamas. “Stiamo combattendo per la libertà della nostra gente, Israle deve smettere quest’aggressione”  di Cosimo Caridi