Ore 16. Nell’aula di Palazzo Madama si sta discutendo il ddl Boschi di riforma della Costituzione. Dibattito iniziato alle ore 10 di questa mattina e che terminerà alle ore 22, senza pause. Ogni senatore iscritto a parlare ha 10 minuti di tempo per illustrare il suo intervento. E’ il turno del senatore Giacomo Stucchi della Lega Nord. Ma l’Aula per più della metà appare però vuota. Assenti sia il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi (presente in mattinata). Il governo è rappresentato solo dal sottosegretario alle Riforme, Ivan Scalfarotto. In Aula sono, invece, presenti tutti i senatori della Lega Nord e del M5S. Degli altri schieramenti solo una manciata di senatori. Tra loro Loredana De Petris, capogruppo di Sinistra Ecologia e Libertà, che spiega così la scarsa presenza: “Putroppo è una discussione non libera, perché dentro ai partiti – se vediamo cosa sta accadendo nel Pd e in Forza Italia – ci sono solo ordini e operazioni pesanti di richiamo all’obbedienza del partito e del leader. Una riforma costituzionale dovrebbe, invece, vedere una libertà totale dei senatori”  di Manolo Lanaro