“A chi conviene un accordo tra Pd e M5S sulle riforme? Non conviene al Partito Democratico, che è Matteo Renzi, perché in questo momento il premier ha l’accordo in tasca con Forza Italia, Scelta Civica e Lega Nord. E’ una maggioranza bulgara che gli consente di far approvare la legge elettorale, a meno di accordi segreti”. Così il direttore de il Fatto Quotidiano, Antonio Padellaro, commenta l’incontro saltato di oggi pomeriggio tra il Pd e il M5S sulla riforma del bicameralismo. “Si è trattato di una finta – ha spiegato Padellaro – per riversare la colpa l’uno sull’altro. A cosa serve in questo momento una nuova legge elettorale se non si va a votare? Forse, a proposito di intese segrete, c’è un accordo tra Renzi e Grillo che non sappiamo? Solo in questo caso avrebbe un senso quello che è accaduto”. Il direttore del Fatto ha poi spiegato: “Bisogna stare attenti, perché con la scusa delle riforme necessaria – affinché il Paese progresca – si sta incatenando la democrazia